« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

ADOC : fondi regionali servizio igiene urbana

giovedì 10 agosto 2017
ADOC :  fondi regionali servizio igiene urbanaLa notizia relativa allo stanziamento di un milione di euro da parte della Regione Puglia a sostegno dei Comuni per interventi di pulizia delle strade extraurbane auspichiamo si traduca, anche nel capoluogo, in interventi di tutela e bonifica del territorio con particolare riferimento alla zona costiera. Quanto sopra, in considerazione delle finalità del provvedimento e della trascuratezza in cui versano le zone residenziali a ridosso del litorale, divenute nel tempo una enorme discarica a cielo aperto. Una situazione insostenibile che rischia di vanificare l’effetto di investimenti privati nel settore turistico e di penalizzare migliaia di residenti e turisti frequentanti la zona. Una parte del territorio è bene sottolinearlo che subisce il transito di migliaia di viaggiatori in transito dall’aerostazione. Meritevole di attenzione anche lo stanziamento di 30 milioni di euro per la realizzazione di centri per la differenziata per consentirne la raccolta anche nelle aree dove diviene difficile praticare il porta a porta, come nel caso delle zone perimetrate o le contrade. Intanto, rimane critica la situazione in città sul fronte dell’igiene urbana e non è solo questione di comportamenti legati all’inciviltà o all’illegalità diffusa. Stenta a decollare il servizio con carenze inerenti i ritardi registrati nel ritiro degli ingombranti, la carenza e l’inefficienza della raccolta stradale e sugli arenili, il lavaggio delle strade e dei contenitori. L’utilizzo dei colori convenzionali e di schede adesive per identificare i contenitori dedicati alla raccolta della carta piuttosto che del vetro metalli o dell’umido o indifferenziato ormai appartengono a ricordi remoti così come la distribuzione dei sacchetti e le pattumiere per la differenziata. Ad oltre un mese dall’insediamento dell’Ecotecnica si ha più l’impressione di un servizio a chiamata utile solo a fronteggiare l’emergenza e a spegnere timidi focolai di protesta alimentati dai cittadini più sensibili al problema. Quanto sopra nonostante per i contribuenti non siano concesse proroghe nei pagamenti, né riduzioni ma solo ed esclusivamente sanzioni. L’ADOC nel continuare a monitorare la situazione auspica quanto prima un momento di confronto sulle problematiche in campo per poter programmare un servizio quanto più aderente alle esigenze della collettività.

Brindisi li, 9 Agosto 2017
UFFICIO STAMPA ADOC


Torna su