« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

ASL BRINDISI : VACCINI ANCHE A PASQUA E PASQUETTA

sabato 3 aprile 2021
ASL BRINDISI : VACCINI ANCHE A PASQUA E PASQUETTA A Pasqua e Pasquetta vaccinazioni per caregiver e conviventi
di minori, di età pari o inferiore ai 16 anni, con disabilità grave



La Puglia ti vaccina: anche in provincia di Brindisi, a Pasqua e Pasquetta, in programma una sessione straordinaria, con accesso libero, dedicata a genitori, tutori, affidatari, caregiver e familiari conviventi di minori, di età pari o inferiore ai 16 anni (nati dopo il primo gennaio 2005), con disabilità grave ai sensi della legge 104 del 1992. Le persone che intendono vaccinarsi devono avere maggiore età e non devono essere in condizione di fragilità. L’iniziativa, realizzata a Brindisi dal Servizio di Igiene e Sanità pubblica della Asl, è un’opportunità di vaccinazione ulteriore rispetto alla modalità già nota per questa categoria la somministrazione da parte dei medici di medicina generale.
Questi i centri vaccinali: a Brindisi, nella palestra Leonardo Da Vinci, via Pietro Chimienti; Fasano Conforama, strada statale 16 km 8; Francavilla Fontana, nella palestra della scuola De Amicis, via Giuseppe Abbadessa; Mesagne, nella scuola Falcone, via Benigno Zaccagnini; San Donaci, nella scuola Primaria, via Niccolò Macchiavelli; San Vito dei Normanni nel Centro pressostatico, viale Onu.
Gli ingressi sono programmati in base all’iniziale del cognome della persona con disabilità di cui ci
si prende cura.
A Pasqua, domenica 4 aprile, dalle 9 alle 12: cognome A-L. Nel pomeriggio, dalle 15.30 alle 18.30: cognome M-Z.
Lunedì 5 aprile, Pasquetta, dalle 9 alle 12: cognome M-Z. Dalle 15.30 alle 18.30: cognome A-L.
Per evitare assembramenti gli ingressi per le due giornate sono regolati con un intervallo di quindici minuti per lettera: se si parte alle 9 con la lettera A, alle 9.15 è il turno della B, alle 9.30 della C, alle 9.45 della D, alle 10 la E, alle 10.15 la F e così via. Stesso discorso per il turno M-Z.

Per la vaccinazione occorre portare con sé un documento d’identità valido, la tessera sanitaria e una certificazione che attesti la disabilità grave della persona assistita o in alternativa la dichiarazione sostitutiva, possibilmente già compilata. È consigliato anche stampare e compilare, se possibile, il modulo di consenso informato.
Aggiornamento ricoverati

Nell’Ospedale di Ostuni sono ricoverati 32 pazienti in Medicina interna e 28 in Pneumologia.

Al Perrino, invece, ci sono 18 pazienti in Malattie infettive, 25 in Pneumologia, 26 in Medicina interna, 11 in Rianimazione.
Due decessi: una paziente di 76 anni in Rianimazione e un paziente di 83 anni in Medicina a Ostuni.

I Post Covid ospitano 9 pazienti a Mesagne, 9 a Ceglie Messapica, 5 a Cisternino, 7 a San Pietro Vernotico.

Torna su