« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

Chiudere le produzioni nello stabilimento Arcelor Mittal

lunedì 30 marzo 2020
Chiudere le produzioni nello stabilimento Arcelor MittalLa scoperta del primo caso di positività al COVID -19 al siderurgico di Taranto segnala, se ancora ce ne fosse bisogno, che è necessario fermare tutte le produzioni non immediatamente essenziali.

Si fermi, ora, la produzione al Arcelor Mittal di Taranto. Non è possibile assembrare migliaia di lavoratori, è pericoloso per loro e per le loro famiglie. Chiediamo che, senza indugio, il presidente della Regione Emiliano o il Prefetto decretino la non essenzialità della produzione e la conseguente sospensione della produzione.

Evidentemente non basta la drammatica esperienza della zona di Bergamo, in cui siè proseguita la produzione nei comuni ad alta densità manifatturiera che oggi sono tra i più colpiti dal contagio e dai lutti.
La sicurezza di tutte e tutti va garantita, ogni sforzo va diretto al contenimento della pandemia.

Blocco delle produzioni e dei servizi non essenziali, reddito di quarantena per chi non può accedere alla tutela degli ammortizzatori sociali: autonomi, precari, partite Iva e disoccupate/i. La nostra proposta resta questa.

Per Rifondazione Comunista - Sinistra Europea

Nicola Cesaria, segretario regionale Puglia


Torna su