« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

Compie trent’anni il Calcit di Andria

lunedì 6 ottobre 2014
Compie trent’anni il Calcit di Andria
Il Calcit di Andria (Comitato autonomo lotta contro i tumori) compie trent'anni.

E' in programma per questo pomeriggio, presso l'istituto professionale "Colasanto", alle 17, la cerimonia augurale.

Durante l'appuntamento il dottor Salvatore Loconte, presidente del comitato, presenterà il suo libro “La dieta mediterranea preventiva anti-cancro nella terra di Federico II di Svevia”.

Nella discussione interverranno voci autorevoli di medici specialisti e chef che metteranno in risalto l'acquisizione e la rielaborazione della dieta mediterranea con la riscoperta delle proprietà anti-cancro dei prodotti del territorio murgiano. Spazio quindi al prof. Roberto Dall'Aglio (endocrinologo), al dott. Alessandro Notaro (associazione Dieta mediterranea), prof. Tommaso Pirronti (radiologo), dott. Marasciuolo (sommelier), Pietro Zito (chef).

«Ho intrapreso un lungo cammino oncologico per evidenziare gli aspetti nutrizionali oncologici nella prevenzione primaria, secondaria e terziaria – ha precisato il dottor Salvatore Loconte -. La prevenzione primaria riguarda le abitudini alimentari del paziente, integrata o meno con attività fisica. Quella secondaria è intesa come prevenzione dalle malattie genetiche tipo celiachia, o malattie cardio-neuro-metaboliche (diabete, ipertensione, alzheimer, coronaropatie). La prevenzione terziaria è il cammino oncologico prima, durante e dopo l'intervento chirurgico dal punto di vista tradzionale. Tutto questo è diventato argomento del mio libro che è un vademecum oncologico».

«L' evento è patrocinato dall'assessorato comunale al Marketing e Sviluppo della città di Andria, dalla Asl, dalla Provincia Bat e dal Gal “Il Calcit – continua Loconte - in tutti questi anni non ha mai perso di vista il suo principale scopo che è quello di aiutare i pazienti indigenti ad affrontare spese per cure mediche specifiche, sia in Italia che all'estero. Oltre che contribuire all'acquisto di apparecchiature mediche specifiche».

E' stato già delineato il programma per il futuro. «Per il prossimo anno tratteremo dell'inquinamento ambientale – conclude Loconte -, inteso come inquinamento elettromagnetico, inquinamento alimnetare (micotossine), promozione di campagne di prevenzione sul territorio». 

Torna su