« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

COMUNICATO UICI

giovedì 6 dicembre 2018
COMUNICATO UICILa Presidenza Nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi ed Ipovedenti con sede a Roma da anni organizza il “Premio Louis Braille”, in onore dell’ideatore del sistema di scrittura e lettura tattile a rilievo, che quest’anno ringrazia e offre un riconoscimento a personalità e istituzioni, quali Andrea Camilleri per la sua carriera, alla Banca d’Italia per la creazione di posti di lavoro per ciechi ed ipovedenti ed infine ai volontari del Servizio Civile Nazionale per l’impegno profuso quotidianamente nei confronti delle persone con disabilità visive contribuendo all’inclusione sociale migliorando le condizioni di vita, lavoro e studio. Si è trattata di una serata all’insegna dello spettacolo e della solidarietà, condotto da Elisa Isoardi che, nella serata di ieri 03 dicembre 2018, presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma, ha voluto premiare tra circa n.7000 volontari del Servizio Civile, dall’anno 2014 al 2018, n.7 volontari che si sono distinti in tutto il territorio italiano.
Orgoglio della sezione UICI di Brindisi è Michele Pignatelli, pura espressione del volontariato del territorio brindisino, rendendosi così, protagonista del Servizio Civile. Attraverso il suo percorso è riuscito a distinguersi grazie alla creazione di una start-up con l’intento di offrire un servizio continuo con la realizzazione di mappe tattili, diventando così all’età di 22 anni un innovatore di Comunità.
L’UICI di Brindisi è fiera del ruolo che ricopre all’interno dei progetti del Servizio Civile, con la costante presenza e guida di persone valide che indirizzano e consigliano i volontari, infatti, alla fine dei progetti di SCN quest’ultimi hanno una ricchezza maggiore a livello culturale e umano.
Il Presidente dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Brindisi persevera nell’impegno di stimolare i giovani nel trovare la giusta strada per il loro futuro. Per questo l’esempio di Michele Pignatelli dimostra che, quando le persone fanno la differenza, il volontariato tiene unita la comunità.



Il Presidente territoriale U.I.C.I Br
Michele Sardano


Torna su