« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

COVID 19 - Apulia Genetics lamenta i clamorosi ritardi

mercoledì 1 aprile 2020
COVID 19 - Apulia Genetics lamenta i clamorosi ritardiIn un momento storico in cui la tempestività di intervento è una questione di vita o di morte, Apulia Genetics lamenta che, nonostante dal febbraio 2020 abbia inviato espressa disponibilità della struttura e della strumentazione per l'esecuzione delle analisi Covid-19, ad oggi, l'ASL di Brindisi non si sia ancora espressa in merito alla semplificazione di un processo diagnostico più snello ed efficace per combattere la pandemia. Un fatto grave, tanto più se si considera che Apulia Genetics ha trovato sul mercato dei reagenti necessari sia per la diagnostica che per l'estrazione dell'RNA, che a breve saranno disponibili, mentre la struttura pubblica brindisina ne dispone in numero assai limitato (così come si evince dalle dichiarazioni ufficiali dei responsabili dell'Asl).

Le maglie della burocrazia hanno impedito, fino ad oggi, ad Apulia Genetics, di supportare la sanità pubblica attraverso le proprie strutture innovative, disponibili e pronte a giocare un ruolo fondamentale nei confronti della collettività.

Nonostante l'incontro avvenuto in data 27 marzo 2020 con il Dott. Stefano Termite - Dir. del SISP, ASL di Brindisi - presso i laboratori di Apulia Genetics ed il puntuale invio della documentazione e certificazioni delle strumentazioni ed equipaggiamenti in possesso della struttura, ad oggi si è nell'impossibilità di dare corso alle attività diagnostiche atte alla salvaguardia del nostro territorio tutto.

In un momento storico come questo, non si può rimanere ancorati ad arcaici presupposti burocratici e quando in gioco c'è la vita delle persone le decisioni devono essere adottate nella maniera più tempestiva possibile.

Così una struttura e le proprie professionalità sono costrette a segnare il passo in attesa che qualcuno possa accelerare i percorsi organizzativi ed autorizzativi, nell'ottica esclusiva della salute pubblica.

Torna su