« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

"IL TORHIO D'ORO" : PROIEZIONE A TORHIAROLO

lunedì 8 aprile 2019
PRIMA ASSOLUTA

Proiezione documentario "IL TORCHIO D'ORO" (ITA- 58'- 2018)

scritto e diretto da Giuseppe Di Bernardo

9 aprile 2019 sala consiliare Valesio – Torchiarolo (BR)



Il GAL Terra Dei Messapi, la Pro Loco Torchiarolo-Turchellis e il Comune di Torchiarolo vi invitano alla prima assoluta del documentario girato a Torchiarolo dal regista di origine siciliana Giuseppe Di Bernardo che avverrà il 9 aprile presso la sala consiliare della casa municipale di Torchiarolo. Saranno presenti oltre al regista, il direttore alla fotografia, il compositore anche i protagonisti del documentario: il campione mondiale di biliardo Crocefisso Maggio e il fotografo Pio Tarantini.

Gli operatori della comunicazione sono invitati a partecipare attivamente anche alla Conferenza Stampa che si terrà domani, martedì 9 aprile alle ore 11 presso il salone Conferenze del GAL Terra dei Messapi. Con l'intento di restituire all'opera un respiro di portata più ampia, i protagonisti e gli autori del film accoglieranno le domande dei giornalisti nella "Città dei Messapi" che traccia un bellissimo parallelismo con le antiche origini di Torchiarolo e il suo Sito Archeologico "Valesio".

LA TRAMA

Il racconto gravita attorno a due centri: da una parte il racconto di Crocefisso Maggio, la "tigre di Torchiarolo". Giocatore autodidatta cresciuto alla periferia dell'impero, capace sul panno di colpi geniali e impensabili, Crocefisso, faccia da pugile, è un campione che negli anni '90 ha inventato il "biliardo all'italiana" moderno. Eppure, nonostante il genio, ha un rapporto spesso conflittuale con la federazione di appartenenza, alle prese con i problemi di una giovane organizzazione sportiva che ha l'ambizione di affermarsi e di crescere. D'altra parte la vicenda di Pio Tarantini, fotografo torchiarolese emigrato a Milano negli anni '70. Proveniente da una famiglia cattolica di proprietari terrieri, Pio aderisce giovanissimo al Partito Comunista, partecipando alle lotte studentesche e contadine degli anni '70 per migliorare le condizioni di lavoro nella campagna brindisina. Un giro in macchina col suo vecchio amico Antonio, tra gli ulivi che abbracciano il santuario della Madonna di Galeano, diventa occasione per interrogarsi sulle differenze fra il centro e le periferie e sull'ontologia meridiana. A corollario, i frammenti di vite di Marzena, Rosina e Tonino (familiari di Crocefisso), Francesco (pescatore), e Pino (contadino), testimoni anch'essi preziosi dei cambiamenti epocali di un territorio di provincia.

Il regista, Giuseppe Di Bernardo è al suo quarto lavoro come autore. Nel 2010 ha realizzato il documentario Viaggio a Lampedusa, presentato al Festival di Internazionale a Ferrara e selezionato per la rassegna DOC IN TOUR 2012. Nel 2012 ha diretto il documentario Amato Bros, quando il jazz nasce in Sicilia, distribuito dalla rivista JAZZIT. Nel 2016 è stato autore di Anzul delle stelle, PREMIO D.E-R al Viaemiliadocfest 2016.



CONFERENZA STAMPA

9 aprile 2019 ore 11:00

via Albricci, 3- Mesagne (BR)

Sala conferenze GAL Terra Dei Messapi



Torna su