« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

SALUTE PUBBLICA : DIRITTO ALLA SALUTE

giovedì 12 novembre 2020
SALUTE PUBBLICA : DIRITTO ALLA SALUTETutti gli esseri umani hanno il diritto a un ambiente salubre; perché tutelare l'ambiente significa perciò stesso tutelare la salute.

Sia i diritti degli uni che quelli degli altri, però, sono oggetto di varie forme di aggressione, che provengono dall'alto e dal basso.

Perché quello in cui questo mondo è complessivamente immerso è un sistema di produzione e di distribuzione essenzialmente predatorio, nelle relazioni tra gli umani e tra gli umani e le matrici ambientali.

E' un sistema ormai ampiamente radicato e praticato ad ogni livello della scala sociale; anche se con conseguenze, in termini di distruttività, proporzionate alle concrete possibilità che derivano ai vari soggetti, singoli e associati, dalla loro collocazione su quella stessa scala.

Ce lo stanno confermando, ogni giorno di più, anche la pandemia e le sue implicazioni sociali e culturali.

Per provare a contenere gli spiriti animali, di varie dimensioni, natura e voracità, a base di questo sistema, il diritto è arma troppo spesso spuntata, quando non proprio velleitaria.

Ciononostante, resta una delle pochissime a disposizione; in quanto tale, non è seriamente rinunciabile.

E' per questo che discutiamo di diritto in relazione alla tutela ambiente e della salute pubblica, oltre che alla crisi climatica.

Con costituzionalisti, penalisti, attivisti e ricercatori parleremo di com'è ora il diritto in questi campi sterminati e vitali; ma anche e soprattutto di come potrebbe e dovrebbe essere per provare ad assolvere quel compito titanico nella maniera più seria.


Venerdì 13 novembre, alle ore 18:00

Per iscrivervi e per partecipare in prima fila su Zoom, mandate una mail a marco@alvisi.eu precisando nome/cognome, città e eventuale organizzazione di riferimento.

L'evento sarà comunque in diretta Facebook sul Gruppo Salute Pubblica:
bit.ly/SalutePubblicaFB; non è necessario iscriversi al gruppo, anche se consigliato.

Torna su