« Visualizza tutti i records in questa Rubrica
Versione Stampabile

YOUNG BUSINESS TALENTS REPORT

mercoledì 12 aprile 2017
YOUNG BUSINESS TALENTS REPORTNonostante un calo rispetto al 2015, spiegabile forse con il perdurare della crisi economica, un avvenire da imprenditori è la prima preferenza degli studenti pre-universitari italiani. È questo il primo dei molti risultati del Rapporto Young Business Talents, che come ogni anno fotografa le tendenze professionali degli studenti liceali.

Milano, 12 aprile 2017 – Mentre si sono concluse le semifinali di Young Business Talents (YBT), il concorso rivolto a tutte le scuole italiane basato su un simulatore d’impresa che permette ai giovani di prendere decisioni all’interno di un’azienda, è stato divulgato il Rapporto Young Business Talents (YBTR), indagine sociale basata su dati raccolti da YBT e condotta per identificare gli atteggiamenti e le tendenze dei giovani studenti pre-universitari italiani in merito alle questioni più rilevanti che potrebbero incidere sul loro futuro e su quello della società nel suo insieme.
Il Rapporto è promosso e realizzato a cura del main sponsor Nivea e da Praxis MMT, la software house spagnola che ha sviluppato il simulatore, nell'ambito delle loro attività di responsabilità sociale, allo scopo di aiutare i giovani e, di conseguenza, le famiglie, a migliorare le loro prospettive sul loro futuro professionale.
L'universo preso in esame di giovani tra 15 e 21 anni è cruciale, dal momento che è proprio questa l’età in cui si consolidano i criteri e gli atteggiamenti che predomineranno durante gran parte della vita adulta.
L’indagine, condotta tra ottobre e novembre 2016, analizza un universo di 2.549.205 giovani attraverso un campione di 2466 soggetti (tutti partecipanti a YBT) raggiunti da un questionario articolato in dieci domande.

Conclusioni rilevanti
La maggioranza degli studenti pre-universitari italiani (37,18%) ritiene che avviare un’attività imprenditoriale sia l’opzione migliore per il proprio futuro professionale. I dati dello scorso anno (Rapporto YBT 2015) mostravano che il 45,08% optava per la via dell’imprenditorialità, riflettendo cosi una differenza del 17,52% tra i due campioni. Tuttavia, ancora oggi uno studente su quattro (24,48%) spera di lavorare nel settore pubblico, mentre un 37,18% degli studenti spera di lavorare nel settore privato alle dipendenze di un’azienda nel prossimo futuro. Ecco i nomi in ordine di priorità: Apple, Nivea, Google, Microsoft, Nike, Ferrari e Ferrero.
Si rileva inoltre un’estrema disponibilità tra i giovani italiani a trasferirsi per motivi di lavoro. L’83,81% degli studenti interpellati si trasferirebbe in un’altra regione per motivi di lavoro (–7,05% rispetto al 2015). L’85,30% sarebbe disposto a trasferirsi in un altro Paese pur di migliorare la propria posizione lavorativa. Nel 2015 tale percentuale era dell’88,88%.
Le città preferite per motivi professionali sono, nell’ordine: Milano con il 35,04%, Roma (10,66%), Firenze (7,47%), Bologna (4,56%), Torino (3,98%) e Napoli (2,38%). I Paesi preferiti in opinione degli interpellati sono gli Stati Uniti con il 21,72%, seguiti da Regno Unito (11,97%), Australia (8,57%), Spagna (6,84%), Germania (6,43%) e Canada (3,82%).
Analizzando le scelte del tipo di attività lavorativa in base al genere, possiamo osservare differenze significative tra studentesse e studenti. In generale, gli studenti preferiscono la via dell'imprenditorialità (44,27%), mentre le studentesse propendono per l’impiego nel settore pubblico (31,97%).
In un confronto del grado di imprenditorialità con altri Paesi dell’Europa del Sud, in particolare, Grecia, Spagna e Portogallo, le divergenze tra i giovani del campione si ampliano. Con un 48,11% i greci vantano il maggior indice di imprenditorialità, seguiti dai portoghesi con il 46,47%. La maggioranza dei giovani italiani preferirebbe lavorare in proprio (38,34%) o lavorare nel settore privato alle dipendenze di un’azienda (37,18%). L'Italia mantiene una percentuale leggermente più elevata della Spagna. In confronto al Messico, la differenza è ancora più grande. Con il 65,35% infatti il Messico è il paese con il più alto grado di imprenditorialità.

Quale attività?
Agli studenti pre-universitari italiani è stato chiesto se sanno già quale attività professionale intraprendere in futuro. Il 63,43% di loro ha le idee chiare in merito, mentre il 36,57% non ce l’ha.
È stato inoltre domandato loro se hanno già deciso che tipo di studi intraprendere. I risultati mostrano che il 34,39% degli studenti ha le idee chiare in merito agli studi universitari mentre il 46,88% non ha ancora deciso. Il resto, un 18,73%, preferisce continuare lavorare invece di studiare. Nel 2015 le cifre erano 59,61% (Sì) e 40,39% (No). Le studentesse sembrano più consapevoli del corso di studi da intraprendere rispetto agli studenti (+15,92%). Gli studenti invece preferiscono andare a lavorare invece di studiare (+32,71%).

*******************************

Visitate il sito www.youngbusinesstalents.com/it!

Young Business Talents è un simulatore d’impresa rivolto a ragazzi da 15 a 21 anni; permette di esercitarsi a prendere decisioni di ogni tipo all’interno di un’azienda. Il concorso a esso legato è a più livelli, regionale, nazionale e internazionale. Co-organizzato da Nivea e da Praxis MMT, si svolge ogni anno in Spagna, Italia, Messico, Portogallo e Grecia e dà ai giovani l’opportunità di sperimentarsi in decisioni di general management. La finale italiana è in programma a Milano venerdì 5 maggio 2017.
La quarta edizione di Young Business Talents è la prima a tenersi in Italia dopo l’entrata in vigore della nuova legge di riforma n° 107/15 (altrimenti detta “la buona scuola”), che all’art. 1 dal comma 33 al comma 44 introduce e regolamenta l’obbligo di alternanza scuola-lavoro per tutti gli alunni del triennio delle scuole secondarie di secondo grado nella misura di 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnici e professionali, fruibili anche durante il periodo di sospensione dell’attività didattica e all’estero. L’utilizzo del simulatore e la partecipazione al concorso valgono 120 ore nel contesto del programma Impresa Formativa Simulata.
Nel 2014-2015 si iscrissero 189 scuole, tra licei e istituti tecnici e professionali, per un totale di 3488 studenti divisi in 1041 squadre.

Per ulteriori informazioni
Praxis MMT Ufficio stampa
Avda. Felipe II, nº1 – El Escorial Stefano Ferri
28280 – Madrid Mob. 349 5506421
Tel +34 91 896 94 95 press@brainsgroup.it
Email praxis@praxismmt.com


Torna su